top of page

Pensione anticipata ordinaria 2023: come funziona, requisiti e quanto si perde

Attraverso la pensione anticipata ordinaria, si offre ai lavoratori la possibilità di accedere ai benefici pensionistici nonostante non abbiano l'età minima per optare per la pensione di vecchiaia. Tuttavia, per farlo, devono soddisfare un requisito specifico di contribuzione. Attualmente, la pensione anticipata è destinata ai lavoratori affiliati al sistema pensionistico obbligatorio, che entro il 31 dicembre 2026 abbiano accumulato un periodo di contribuzione di 42 anni e 10 mesi per gli uomini e di 41 anni e 10 mesi per le donne. Di seguito, ti spiegheremo in questo articolo gli ultimi aggiornamenti sulla pensione anticipata, chi può beneficiarne, come richiederla e quanto potresti ricevere.

Cos'è la pensione anticipata ordinaria?

La pensione anticipata ordinaria consente ai lavoratori di ritirarsi dal lavoro prima di raggiungere l'età necessaria per ricevere la pensione di vecchiaia. Come abbiamo già evidenziato, per accedere a questo beneficio è essenziale soddisfare un periodo obbligatorio di contribuzione: 42 anni e 10 mesi per gli uomini e 41 anni e 10 mesi per le donne. Il beneficio è rivolto a tutti i dipendenti che fanno parte del registro delle pensioni in diverse capacità. È importante notare che il requisito di contributi minimi richiesti si applica sia ai lavoratori dipendenti che autonomi, nonché a quelli del settore pubblico. La pensione anticipata può essere percepita fino al 31 dicembre 2026. La pensione anticipata ordinaria è in vigore grazie alla Legge Fornero, dal 1° gennaio 2012. È regolamentata specificamente all'articolo 24 del Decreto legislativo del 6 dicembre 2011 - n. 201. A differenza di qualsiasi altra modalità di pensione, la pensione anticipata è un'istituzione strutturale. In parole semplici, viene prorogata annualmente. Questa forma di pensione è anche conosciuta come "quota 41". Tuttavia, non è lo stesso tipo di pensione applicato ai lavoratori anticipati. In quest'ultimo caso, la pensione si applica ai lavoratori attivi prima di raggiungere l'età adulta, accumulando così contributi per 41 anni.

Chi può richiedere la pensione anticipata ordinaria?

La pensione anticipata è un beneficio per coloro che fanno parte dei seguenti piani di previdenza:

Assicurazione Generale Obbligatoria (AGO). Questa assicurazione copre i lavoratori autonomi e il Fondo Pensioni dei Dipendenti. Gestione Separata dell'INPS. Qualsiasi forma di sostituzione dell'AGO. Come la Gestione Sport e Spettacoli e il Fondo Volo. Tutte le forme esclusive dell'AGO.

Requisiti per accedere alla pensione anticipata ordinaria

Ogni individuo deve soddisfare i seguenti requisiti:

41 anni e 10 mesi di contributi, nel caso delle donne. 42 anni e 10 mesi di contributi, nel caso degli uomini.

Questo requisito, in vigore dal 1° gennaio 2016, si estende fino al 31 dicembre 2026. Una volta trascorso questo periodo, il sistema delle pensioni anticipate verrà adeguato ogni due anni a partire dal 1° gennaio 2027. È importante sottolineare che per avere diritto alla pensione anticipata è obbligatorio aver concluso il rapporto di lavoro. Tuttavia, dopo la richiesta, è valido iniziare un nuovo lavoro. Nel caso dei lavoratori autonomi, non è richiesto questo requisito.

Chi può richiedere una pensione anticipata a 64 anni?

All'età di 64 anni, i lavoratori che hanno contribuito dal 1° gennaio 1996 possono chiedere la pensione anticipata. La pensione, in questo caso, viene adeguata in base all'incremento dell'aspettativa di vita, a condizione che soddisfino i seguenti requisiti:

Almeno 20 anni di contribuzione effettiva. In questo caso, le contribuzioni fittizie non vengono conteggiate. L'importo del primo pagamento della pensione deve essere superiore a 2,8 volte il valore mensile del sussidio sociale.


Come funziona la pensione anticipata ordinaria?

La pensione anticipata viene erogata a coloro che hanno diritto al beneficio ogni volta che ne facciano richiesta. Tuttavia, prima di avviare il processo di richiesta, è essenziale consultare i requisiti di contribuzione stabiliti dall'INPS. Questo istituto si occupa di verificare il soddisfacimento di tutti i requisiti necessari per presentare la domanda in seguito.

Come calcolare il requisito di contribuzione?

Per calcolare il requisito di contribuzione necessario per accedere alla pensione anticipata ordinaria, è necessario prendere in considerazione i contributi effettuati in generale. Tuttavia, ci sono regole specifiche:

Per coloro che hanno iniziato a versare contributi prima del 1° gennaio 1996, sono richiesti almeno 35 anni di contributi netti derivanti da periodi di malattia, disoccupazione o altre prestazioni equivalenti su un totale di 42 anni e 10 mesi o 41 anni e 10 mesi. Per coloro che hanno iniziato a versare contributi a partire dal 1° gennaio 1996, non si tiene conto dei contributi derivanti dalla continuazione volontaria, ma si moltiplica per 1,5 il contributo accreditato per periodi di lavoro precedenti al compimento dei diciotto anni.

Come si calcola la pensione anticipata ordinaria?

Il sistema contributivo tiene conto di tutti i contributi versati durante l'intera carriera lavorativa, mentre il sistema salariale si basa sugli stipendi percepiti prima della pensione. Pertanto, il calcolo per le pensioni anticipate avviene nel seguente modo:

Per le persone che hanno accumulato almeno 18 anni di contributi entro il 31 dicembre 1995 secondo il sistema salariale in vigore fino al 31 dicembre 2011, e successivamente sono passate al sistema contributivo. Per le persone con meno di 18 anni di contributi versati entro il 31 dicembre 1995, verranno considerati i contributi salariali fino a quella data, dopodiché verrà applicato il sistema contributivo. Questo approccio è conosciuto come "sistema misto". Per coloro che non hanno crediti al 31 dicembre 1995 o che scelgono di versare contributi completamente contributivi, compresi i crediti gestiti separatamente.

Come presentare la domanda di pensione anticipata ordinaria?

Ci sono diverse modalità per presentare la domanda di pensione anticipata:

● Tramite il sito web dell'INPS.

● Chiamando gratuitamente il numero dell'INPS 803 164 da un telefono fisso o al numero 06 164 164 da un cellulare.

● Attraverso intermediari dell'INPS.

Quanto si perde con la pensione anticipata ordinaria?

Non ci sono perdite associate alla pensione anticipata ordinaria. L'assegno non subisce riduzioni dal 1° gennaio 2017. Pertanto, l'importo viene calcolato tenendo conto di tutti i contributi versati, senza perdite.

Altre forme di pensione anticipata

Esistono diverse forme di pensione anticipata alle quali è possibile optare nel 2023. Alcune di queste includono:

Quota 103: permette il pensionamento a partire dai 62 anni con 41 anni di contributi. Opzione donna: riservata alle donne che soddisfano requisiti specifici. APE sociale: periodo di contribuzione richiesto di 30 o 36 anni con un'età di 63 anni.


11 visualizzazioni

Comments


bottom of page